Collegamenti sponsorizzati

Edilizia Economica e Popolare

L'edilizia economica e popolare: informazioni utili

L'edilizia economica e popolare: informazioni utili
Collegamenti sponsorizzati
“ Case sane e a buon mercato”, è così che venivano definite le abitazioni destinate alle classi meno abbienti nel testo della legge Luzzatti nel 1903, che ha introdotto per la prima volta nel nostro paese i progetti realizzati in edilizia sovvenzionata, meglio conosciuti come case popolari.  Da questo primo provvedimento sono trascorsi più di cento anni e il legislatore è intervenuto più volte sul tema dell'edilizia popolare economica, cerchiamo di capire come si è evoluto il progetto nel tempo e cosa prevede l'attuale normativa che regola la realizzazione e soprattutto la fruizione delle case popolari.
Come anticipato, l'impianto di norme che regola la realizzazione di opere in edilizia economica e popolare ha subito più modifiche nel corso degli anni, inizialmente di competenza dei comuni, il compito di realizzare alloggi economici e popolari viene trasferito agli Istituti autonomi per le case popolari. Soluzione che nel corso degli anni ha presentato non pochi inconvenienti, dovuti alla burocrazia, alle problematiche inerenti l'accesso al credito da parte degli istituti, del loro rapporto con gli enti locali o al mancato adeguamento al costo della vita dei canoni di locazione degli alloggi popolari, con conseguenti ripercussioni sulla realizzazione di nuovi progetti e  sulla manutenzione delle strutture esistenti. Nel corso degli anni '70 la “controversa vicenda” dell'edilizia popolare ed economica raggiunge un punto di svolta con i DPR 1035 e n. 1036 - 30 dicembre 1972, che ha seguito dell'approvazione della riforma per la casa, introducono la definizione di Edilizia residenziale pubblica, nella quale vengono fatte rientrare tutte le opere relative alla realizzazione di nuovi edifici o all'acquisizione e riqualificazione di strutture esistenti tramite sovvenzionamento diretto o indiretto da parte dello stato. Venivano di conseguenza introdotte nuove norme per l'assegnazione, la revoca e la definizione dei canoni di locazione degli alloggi e fornite linee guida per la riorganizzazione e l'attribuzione delle competenze degli enti pubblici attivi nel settore dell'edilizia residenziale pubblica.
Su Diritti & Diritti, fonte di informazione giuridica online, troverete un interessante escursus storico che illustra le principali tappe dell'evoluzione della normativa che regola l'edilizia residenziale pubblica e più in particolare quella economica e popolare, dalla sua introduzione nel 1903 alla definizione degli attuali PEEP (piani per l'edilizia economica e popolare. Si tratta dell'approfondimento “Gli Icap nel sistema degli enti pubblici”, un estratto dalla relazione presentata nel corso di un convegno organizzato dall'ICAP di Agrigento nel 2007.
Un elenco sintetico delle principali normative sull'edilizia residenziale pubblica e popolare, è invece disponibile  all'interno del sito web del Sicet, Sindacato Inquilini Casa e Territorio, all'interno dell'area normativa.

Edilizia economica e popolare: modalità di assegnazione degli alloggi e limiti per i fruitori
Le case realizzate nell'ambito di progetti previsti dai piani per l'edilizia economica e popolare vengono assegnate in base al punteggio assegnato nella graduatoria ( i comuni provvedono periodicamente alla pubblicazione di bandi per la formazione delle nuove graduatorie.
Per inoltrare domanda per l'assegnazione di un alloggio, i candidati dovranno essere in possesso di una serie di requisiti.

a) essere in possesso della cittadinanza italiana o di altro stato appartenente all'Unione Europea. Viene tuttavia riservata la possibilità di presentare la domanda per l'assegnazione anche ai cittadini extracomunitari, purché registrati presso gli uffici provinciali per il lavoro, in possesso di un impiego regolare e della carta di soggiorno.

b) il comune promotore deve corrispondere al comune di residenza o in alternativa alla sede di lavoro principale.

c) Non essere titolare del diritto di proprietà, uso o usufrutto di un'abitazione adeguata alle esigenze del proprio nucleo familiare in qualsiasi località

d) Non aver già usufruito di un alloggio precedentemente assegnato e ceduto.

e) disporre di un reddito uguale o inferiore alla soglia individuata dalle disposizioni regionali in materia di edilizia popolare ed economica.

I candidati risultati idonei per l'assegnazione degli alloggi realizzati nell'ambito dei piani per l'edilizia economica e popolare, dovranno rispettare una serie di limiti relativi all'utilizzo e alla commerciabilità dell'abitazione.
E' innanzitutto previsto un vincolo sul canone di locazione e sull'eventuale prezzo di vendita per un periodo di 15 anni. Durante tale periodo l'alloggio potrà essere concesso il locazione o ceduto soltanto a favore di soggetti in possesso dei requisiti previsti dalla legge per l'assegnazione degli alloggi.
La legge prevede tuttavia la possibilità di cedere l'abitazione trascorsi 5 anni dalla data di assegnazione per giustificati motivi come il decesso del proprietario, l'aumento del numero dei componenti di famiglia, gravi problemi economici, di salute o in caso di ricovero presso case di riposo.

Per maggiori informazioni sulle modalità di presentazione della domanda e sui criteri utilizzati per l'assegnazione dei punteggi dovrete fare riferimento alle informazioni relative alle politiche abitative disponibili all'interno del sito web del vostro comune di residenza. Per aggiornamenti rispetto all'approvazione dei piani nazionali per l'edilizia abitativa e dei PEEP, potrete invece consultare il sito web istituzionale della Presidenza del Consiglio, Governo.it
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzatiscript async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">

Argomenti Correlati

Azienda territoriale edilizia

L'azienda territoriale per l'edilizia, meglio nota come "Ater" riveste il ruolo ...

Nuove costruzioni

Questa sezione si propone come risorsa online per chi vuole acquistare un ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta