Collegamenti sponsorizzati

Pendenza rampe per disabili

La pendenza delle rampe d’accesso per disabili: cosa prevede la legge

La pendenza delle rampe d’accesso per disabili: cosa prevede la legge
Collegamenti sponsorizzati
Gli spazi pubblici e privati, destinati all’utilizzo comune, devono essere progettati per garantire il massimo dell’accessibilità. Progettare strutture accessibili, significa realizzare spazi facilmente fruibili per tutti, indipendentemente dalla presenza e dal grado di deficit motori o sensoriali. Uno degli aspetti determinanti per l’abbattimento delle barriere architettoniche, riguarda la presenza e le caratteristiche ( prima su tutte la pendenza) delle rampe d’accesso per disabili. Vediamo insieme cosa stabilisce la normativa vigente al riguardo.
Una rampa d’accesso rappresenta un fattore determinante per l’accessibilità degli edifici, eppure basta un errore in fase di progettazione per  renderne inutile la presenza. Proprio per questo i provvedimenti legislativi a favore dell’eliminzazione delle barriere architettoniche, hanno previsto una serie di criteri guida da seguire nella progettazione di edifici accessibili e soprattutto degli elementi che ne condizionano le possibilità di accesso. Una breve sintesi dei criteri per la progettazione accessibile previsti all’art 4 del Decreto Ministeriale dei Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236 è disponibile su progettarepertutti.org,  risorsa di informazioni online sul tema, all’interno della sezione dedicata alle normative.
Le rampe d’accesso per disabili, svolgono un ruolo determinante tanto per favorire l’accesso agli edifici quanto per consentire a chi ad esempio utilizza una sedia a rotelle, di muoversi con facilità in strada, (soprattutto in corrispondenza di marciapiedi o attraversamenti pedonali). L’articolo 4 del suddetto decreto prevede che  “La pendenza di una rampa va definita in rapporto alla capacità di una persona su sedia a ruote di superarla e di percorrerla senza affaticamento anche in relazione alla lunghezza della stessa. Si devono interporre ripiani orizzontali di riposo per rampe particolarmente lunghe”. L’articolo prosegue sottolineando che in generale per le rampe devono essere applicati accorgimenti analoghi a quelli definiti per le scale (per approfondimenti rispetto alle specifiche è necessario fare riferimento agli articoli 8.1.10 e 8.1.11).
La legge prevede che in caso di rampe poste in corrispondenza di raccordi tra percorsi pedonali a livello stradale o in corrispondenza dei passi carrabili la pendenza non deve essere superiore al 15% con dislivelli massimi di 15 cm. Unica eccezione le rampe poste in ordine successivo, all’interno degli impianti ferroviari, con dislivelli superiori ai 320 cm.
In genere, la pendenza delle rampe per disabili non dovrebbe superare l’8%, in caso di lunghi percorsi con dislivello dovrebbe essere presente una sosta con pianerottolo ogni 10 metri o in presenza di ogni porta (pendenza massima del 5% e soste ogni 15 m in caso di percorsi esterni) .
Le rampe per disabili dovrebbero inoltre avere una  larghezza minima compresa tra i 90 ed i 150 cm, essere munite di pavimenti antisdrucciolo con eventuale guida per non vedenti,  parapetto e corrimano.
Se le indicazioni dettate dal testo di legge non dovessero essere sufficienti a chiarire eventuali dubbi, sulla progettazione delle rampe per disabili e sulla pendenza richiesta per far sì che siano “realmente accessibili”, potreste esporre il vostro caso inviando una mail al servizio “l’architetto risponde”, proposto dalla redazione della rivista online Disabili.com, troverete l’indirizzo utile all’interno della sezione “gli esperti rispondono”. Nella rivista sono inoltre disponibili tante altre informazioni utili, di carattere normativo, fiscale e sociale, un forum ed una community in cui interagire con gli altri utenti.
Sono disponibili informazioni sulla progettazione delle rampe pedonali e la loro pendenza anche su Superabile.it, contact center integrato dell’INAIL dedicato alla disabilità.
Accedendo alla sezione dedicata agli spazi e agli edifici del canale tematico “senza barriere” troverete riferimenti normativi e schemi esplicativi illustrativi delle problematiche legate alla definizione della pendenza delle rampe pedonali.
Grazie alle informazioni proposte dalle risorse online segnalate, riuscirete a raccogliere le informazioni utili di cui avete bisogno sulla pendenza delle rampe per disabili e potrete utilizzarle nella realizzazione dei vostri progetti, se operate nel settore della progettazione, o per segnalare eventuali violazioni causa di disagio.


Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network

Andrea Scrive:
19/11/2012

Buongiorno, ho un beershop a Roma, per ottenere consentire la friubilità del negozio anche ai disabili ed ottenere la somministrazione dovrei superare un gradino di 13 cm che mi solleva dal piano del marciapiede. Non mi consentono di mettere una rampa sul marciapiede e non posso fare lavori di scavo nella corte antistante il negozio, poichè è un solaio di un garage sottostante. avete qualche suggerimento su come possa fare o se c'è qualche norma che mi consenta, in caso di impossibilità a fare i lavori interni a mettere la rampa sul marciapiede, pagando la tassa di occupazione di suolo pubblico. Grazie in anticipo Andrea
Raffaella Giacopetti Scrive:
28/06/2012

dobbiamo realizzare un marciapiede che consenta il passaggio anche ai disabili da una zona parcheggio ad una rampa vera e propria realizzata nel rispetto della normativa. il marciapiede avrà una pendenza massima del 4% e una lunghezza complessiva di 50m circa, in questo caso è necessario prevedere delle piazzole di sosta? se si ogni 15m è sufficiente? grazie
Panicali Claudio Falegname Scrive:
29/03/2012

Completi ed esaurienti dati tecnico-normativi. Descrizione chiara e fluida, scorrevole e fruibile. Complimenti e grazie per l'ottimo servizio divulgativo.
sartori andrea Scrive:
21/02/2012

Salve,stiamo concludendo una ristrutturazione di un locale birreria a vicenza,stiamo pensando di spostare la rampa per disabili,attualmente in una posizione fuori mano,in posizione frontale ,in modo che arrivi alla porta d'ingresso del locale e appoggindosi in aderenza al muro esterno di esso. La pendenza da noi scelta sara' massimo l'8% in quanto dobbiamo arrivare ad una quota di + 0,48 cm. La larghezza sara dai 90 cm a 1m con parapetto verso l'esterno altro 1m. Volevo sapere ,se quello che intendo fare e' fin qui corretto e soprattutto se e' obbligatorio un secondo corrimano applicato al muro a cui la rampa e' aderente. vi ringrazio. arch. sartori andrea


Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Miniascensori

Il miniascensore rappresenta una valida soluzione per l'abbattimento delle ...

Montascale per disabili

Esistono diverse tipologie di montascale, a poltroncina, mobili a cingoli o con ...

Rampe disabili

Disponibili in diversi modelli, portatili e componibili, le rampe rappresentano ...

Servoscala per disabili

Disponibili in diversi modelli, i servoscale o montascale per disabili ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet